Gli oggetti di scena che hanno fatto la storia del cinema

- Gran Shopping Mongolfiera Molfetta

I gadget dei film: dove acquistare 10 oggetti iconici del grande schermo

Siete dei veri e propri amanti della settima arte? La vostra casa è invasa da piccoli e grandi memorabilia che ricordano i vostri film preferiti? Allora dovete assolutamente leggere questo articolo che abbiamo preparato per voi!

Come sappiamo, i film sono pieni di oggetti. Nei film migliori, raramente quegli oggetti sono messi lì a caso e, infatti, spesso ce li ricordiamo e desideriamo possederne uno e, se non possiamo avere l’originale, almeno una fedele copia che lo ricordi.

In Gran Shopping Mongolfiera abbiamo pensato di stilare la lista dei gadget più famosi che hanno fatto la storia del cinema diventando dei veri e propri oggetti iconici, suggerendovi lo shop giusto in cui trovarli.

 

– L’ Anello de “Il Signore degli Anelli”

Un anello per domarli, un anello per trovarli, un anello per ghermirli e nel buio incatenarli”.

Sì, tutti abbiamo desiderato almeno una volta di avere al collo o portare al dito il famosissimo anello di questa splendida e inimitabile saga cinematografica.

Sembrerà incredibile ma, in procinto di sposarsi Rick Porras, uno dei produttori del film, scelse un anello semplice e al contempo di una certa corposa dimensione utile a farvi stare un’incisione in elfico tradotta nell’antica lingua di Mordor. Quindi sì, l’Anello del Potere è in realtà una fede nuziale!

Anche se non siete in procinto di convolare a nozze e volete possedere un anello simile a quello di Frodo, particolare e inciso con parole che per voi hanno un significato importante, Amen è il posto giusto in cui scegliere il gioiello che porterete sempre con voi. Tranquilli, non dovrete affrontare terribili mostri per custodirlo!

 

– L’ombrello di “Cantando sotto la pioggia”

Proprio lui, il celebre ombrello che Gene Kelly stringeva mentre intonava “I’m singin’ and dancin’ in the rain”.

E se vi dicessimo che non è stato così semplice per Gene Kelly ballare con un ombrello sotto la pioggia, ci credereste?

L’entusiasmo infantile nel saltare da una pozzanghera all’altra ispirò a Kelly una danza piena di buon umore, ma non così semplice da eseguire. La difficoltà stava nel coordinare l’ombrello con il ritmo della musica con il rischio di scivolare sul bagnato e di beccarsi un bel raffreddore.

Mentre girava la celebre scena che ha dato il nome al film, infatti, l’attore-ballerino aveva oltre trentanove gradi di febbre!

Anche se non siete ballerini provetti e non è nel vostro costume cantare e ballare sotto una pioggia dirompente, potete trovare un modello simile all’iconico ombrello da Aranciviola. Vi proteggerà dalla pioggia ma non possiamo assicurarvi che vi trasformi nel protagonista di un musical!

 

– La borsa di “Mary Poppins”

Un film unico, magico, un classico intramontabile. Era il 1964 quando questo film ha fatto la sua comparsa nelle sale cinematografiche, regalandoci un personaggio carismatico, misterioso e indimenticabile.

Inutile dire che, guardando il film per la prima volta o facendo il rewatch ancora oggi dopo anni, non abbiamo mai smesso di desiderare la sua borsa vecchio stile, in grado di contenere ogni tipo di oggetto e di regalarci sempre stupore e sorpresa.

Borse grandi, capienti e in grado di portare tutto ciò che ci serve (e anche molto di più) non sono solo una prerogativa di Mary Poppins. Da Carpisa ne troverete tante, belle, grandi e colorate che oggi provocherebbero addirittura l’invidia della buonissima tata Mary.

 

– Gli occhiali de “The Blues Brothers”

Abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio e portiamo tutt’e due gli occhiali da sole”.

I Ray-Ban Wayfarer sfoggiati sono parte integrante della personalità dei fratelli Jake ed Elwood. Nel film i due protagonisti vestono un look che diventerà inconfondibile e unico e, anche grazie a questa pellicola, il modello Wayfarer è considerato una vera e propria icona dallo stile classico, che non passa mai di moda.

Anche se non fate parte della “missione per conto di Dio” dei fratelli Blues, potete comunque indossare lo stile senza tempo di questo occhiale dalla forma trapezoidale. Da Salmoiraghi & Viganò troverete tutte le declinazioni di colore dell’occhiale che ha fatto la storia del cinema (e la fortuna di Ray-Ban).

 

– Il gioiello Cuore dell’Oceano di “Titanic”

C’è chi guardando Titanic per la prima volta ha sognato di vivere una storia d’amore come quella tra Rose e Jack e chi mente. Ma tutti hanno sicuramente desiderato di ricevere in dono una collana come quella indossata da Rose.

Il famoso Cuore dell’Oceano, un diamante da 56 carati, si dice fosse stato indossato da Luigi XVI in persona. Di un blu profondo come il mare e di una lucentezza cristallina come la superficie dell’acqua, questo diamante è in realtà ispirato a tre gioielli storici, ma nessuno di essi viaggiò mai sul Titanic.

Sperando di non aver disilluso chi ancora immaginava che il gioiello regale avesse davvero navigato le acque dell’Oceano, possiamo consigliarvi un posto altrettanto magico dove trovare il vostro gioiello del cuore. Che sia per voi o per la persona amata, da Pandora troverete il gioiello dal valore affettivo inestimabile (ma sicuramente più accessibile di quello indossato da Rose).

 

– La scatola di cioccolatini di “Forrest Gump”

Come suggerisce il protagonista del film, interpretato da Tom Hanks: “Mamma diceva sempre: la vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita!”.

Questa citazione è stata inserita dall’American Film Institute nell’elenco delle migliori citazioni cinematografiche statunitensi di tutti i tempi. La scatola di cioccolatini che Forrest tiene con sé sulla panchina, invece, uno degli oggetti di scena più iconici e significativi di sempre.

Ci riserviamo di darvi la nostra interpretazione sulla frase del film, ma possiamo consigliarvi un posto dolcissimo dove potrete acquistare e degustare cioccolatini senza aspettarvi nessuna cattiva sorpresa.

Se Forrest avesse scoperto BonBon, probabilmente oggi la famosa citazione sull’imprevedibilità della vita non sarebbe così famosa perché avrebbe potuto scegliere e deliziarsi con confetti e cioccolatini buonissimi.